Le associazioni di volontariato penitenziario sono presenti in molte città italiane, soprattutto in vicinanza di istituti carcerari. Per fare volontariato penitenziario, la cosa migliore è prendere i contatti con uno di questi gruppi.

In gruppo sarà possibile ricevere la formazione generale sui temi del carcere e della pena, indispensabile per operare in questo ambito, e individuare le necessità verso le quali indirizzare il proprio intervento.

Se nel territorio non sono presenti associazioni o gruppi di volontariato penitenziario, si può provare a prendere contatti con le Direzioni del Carcere o dell’Ufficio di Esecuzione Penale Esterna più vicini, proponendo una collaborazione.

Il SEAC nazionale è a disposizione per eventuali ulteriori informazioni:

Your Name (required)

Your Email (required)

Subject

Your Phone Number (required)

Your Message

Chi può aderire

Possono chiedere l’iscrizione al SEAC enti, associazioni, gruppi organizzati nonchè singoli volontari che operano in realtà dove non sono presenti associazioni e gruppi di volontariato penitenziario:

  • che ne condividano le finalità;
  • che siano mossi da spirito di solidarietà;
  • che si impegnino a rispettare le norme dello statuto.

L’adesione è deliberata, su domanda del richiedente, dal Coordinamento locale o regionale.

modulo adesione SEAC – gruppi

modulo adesione SEAC – singoli

La quota associativa annuale consiste in:

  • 55 €  per l’adesione di un gruppo
  • 21 €  per l’adesione di un singolo

da versare sul conto corrente Banca Prossima n. 05000/1000/150665 intestato a “SEAC –  Coordinamento Enti e Associazioni di Volontariato Penitenziario”

Codice IBAN : IT51A0335901600100000150665

Perché aderire al coordinamento

Così come il gruppo aggiunge valore all’azione del singolo volontario, il coordinamento rende più efficace l’azione dei singoli gruppi:

  • rende possibile lo scambio di idee  e la condivisione di esperienze  fra diverse realtà di volontariato penitenziario, valorizzando le loro specificità e rendendole utili ad altri;
  • promuove la formazione dei volontari mediante convegni, seminari e pubblicazioni;
  • costruisce a livello nazionale una rete di risorse e conoscenze, favorendo la collaborazione di realtà diverse anche su casi concreti, ad esempio nell’aiuto di persone che vengono sfollate o trasferite da un istituto all’altro;
  • promuove il rispetto e la tutela dei volontari;
  • è in grado di fare proposte e istanze alle Istituzioni penitenziarie e ai legislatori in ordine al miglioramento delle condizioni di vita delle persone sottoposte ad esecuzione penale;
  • porta all’interno della Conferenza Nazionale Volontariato Giustizia e all’interno del Terzo Settore la voce dei gruppi di base di volontariato penitenziario.